Cozumel e la barriera corallina messicana

La barriera corallina mesoamericana è un sistema di barriere coralline lunghe ben 22 chilometri che si estende dalla costa est della Penisola dello Yucatán fino alle Islas de la Bahía dell’Hounduras. È la seconda al mondo per grandezza, superata solamente dalla Grande Barriera Corallina australiana.

Durante la vostra scoperta della Ruta del Encanto Maya, non potrete perdervi le cinque barriere coralline di Cozumel, ricche di fauna marina e di meraviglie dagli infiniti colori immerse nei mari più trasparenti e caldi del mondo. Sparse per tutto il lungomare di Cozumel troverete delle compagnie specializzate, in grado di portarvi a scoprirle in tutta sicurezza.

Paraíso. Questa barriera corallina è caratterizzata da acque tranquille, un autentico “paradiso”, come dice il suo nome. La visibilità è eccellente e i banchi di pesce sono ineguagliabili. La sua ubicazione, inoltre, proprio di fronte al molo cui attraccano le navi da crociera, nel centro della zona turistica, fa sì che Paraíso si trovi nel punto più comodamente raggiungibile di tutta l’isola. La profondità media di immersione varia dai 15 ai 30 metri.

Chankanaab. Anche se i maya lo chiamavano il “piccolo mare”, l’acquario naturale di Chankanaab è una laguna che fa parte dell’omonima riserva nazionale. Grazie alla tranquillità delle sue acque, la laguna è diventata il sito più visitato dell’intera isola, in cui si possono praticare immersioni sportive o libere, ovvero senza bombole, in tutta tranquillità.

Yucab. Si tratta di una delle barriere coralline più lunghe dell’intero continente: 1500 metri di lunghezza per 20 di larghezza. Non perdetevi le sue spugne, i suoi crostacei, i suoi pesci colorati e, ovviamente, la sua incredibile varietà di coralli.

San Francisco. Ricchissima di veronge (spugne gialle a forma tubolare). Con un po’ di fortuna potrete ammirare murene, squali gatto e, in base alla stagione, enormi razze.

Santa Rosa. Questa barriera corallina è famosa per la sua principale attrazione, le tartarughe embricate (eretmochelys imbricata). Le sue forti correnti non sono indicate per i principianti.

Fonte: ufficio turistico messicano – visitmexico.com